Si è verificato un errore nel gadget

martedì 11 aprile 2017

Apericena con Angelo Marenzana

Giovedì 13 aprile alle ore 19, a cura della libreria Mondadori di Pistoia, aperitivo e cena con lo scrittore Angelo Marenzana presso la Caffetteria del Museo Marino Marini 

(Corso Silvano Fedi 32 Pistoia, tel. 347 3538551). 

Presentazione del libro "Alle spalle del cielo" (ed. Baldini&Castoldi)




da http://www.frontedelblog.it/2017/01/30/alle-spalle-del-cielo/
In Alle spalle del cielo siamo nell’aprile del 1944. La città è ferita dalle snervanti incursioni di Pippo e dall’inquietudine prodotta dall’attesa di un bombardamento che sembra non decidersi ad arrivare nonostante i ripetuti allarmi.
Domenica in Albis, la festività delle bianche vesti, dei sacri paramenti che forse la pietà del divino aveva deposto sulla città come una sindone protettiva per tenere lontano l’attacco dei bombardieri. E gli aerei sembravano obbedire all'ordine celeste. Continuavano a tenersi in disparte, come predatori in agguato, immobili, a giocare la sfida dell’attesa snervante, in fila, invisibili alle spalle del cielo.”
Un ex sbirro, Lorenzo Maida, coinvolto suo malgrado in un’indagine complessa, non si accontenta di una verità spicciola solo per archiviare la morte di Diego Cattaneo, un balordo già noto alle forze di polizia e di Agostino Rivera detto Graffio, un giovane comunista dalla lingua affilata. Maida lascerà in disparte per qualche tempo la sua attività di commerciante di tessuti, per muoversi come un lupo solitario tra le pieghe della città. Sempre in compagnia dei fantasmi del proprio passato. Sulla sua strada una processione di personaggi e comparse: banchieri senza scrupoli, sbirri in cerca di un futuro, una medium truffaldina con un socio omosessuale, un barbiere siciliano alto un soldo di cacio, appassionati di opera, giocatori di biliardo, sette anarchici e carrettieri svelti di mano. Tra i ricordi di amanti affascinanti e la tagliente ironia del suo dipendente Curcio, Maida svelerà un volto di Alessandria ben diverso dall’abituale, sonnolente provincia. Mentre in cielo squadriglie di aerei alleati sono pronte a portare l’inferno in terra.
Forse la verità, quella vera, continuava a nascondersi proprio come stavano facendo i bombardieri. Per due volte l’aveva stretta in pugno, ma era sempre riuscita a sfuggire, a defilarsi tra i meandri della mente umana e a rimanersene invisibile. Anche lei, alle spalle del cielo.”

Nessun commento:

Cerca nel blog